MERAVIGLIOSA BELLEZZA DEL CREATO


DESTINATARI: Ragazzi e ragazze dai 14 ai 18 anni
FILOSOFIA:
Ognuno di noi ha a disposizione uno strumento potentissimo per ampliare le proprie capacità percettive, stimolare i sensi e sviluppare la propria attenzione: la realtà. Il mondo che ci circonda, le cose di cui è fatto, le persone che lo abitano, da sole o in compagnia, rappresentano continui spunti d’osservazione, che solo la mancanza di tempo non eleva a valore di storia da raccontare. L’origine della parola teatro arriva dal greco: Thèatron dove thea significa appunto guardare, guardare con attenzione, e la nostra fantasia, paradossalmente, risulta più libera e più ricca quando nasce da un forte attitudine all’attenzione.
METODOLOGIA:
In questo laboratorio ai classici esercizi sull’ascolto, fiducia, relazione con gli altri,  consapevolezza del proprio corpo, che si svolgeranno nell’ambiente protetto del teatro, si aggiungeranno altre attività da svolgersi all’aperto, che offriranno ai partecipanti la possibilità di allenare la propria capacità d’attenzione e di osservazione delle dinamiche relazionali, per poi condurre in teatro un lavoro di creazione autonoma sulle realtà osservate. Lo spettacolo di fine anno vedrà l’intrecciarsi di varie storie, create dai partecipanti, ma tutte nate da situazioni reali. In nessun modo i partecipanti dovranno interagire con persone che non conoscono. Non si tratta di candid camera e neanche di teatro di strada. I luoghi scelti per le osservazioni saranno scelti in base alle condizioni climatiche del periodo e garantiranno la massima sicurezza ai partecipanti.