17/23 Luglio LAB

24 LUGLIO SPETTACOLO (INGRESSO LIBERO previa prenotazione)

I FIGLI DELLA FRETTOLOSA

Laboratorio di formazione teatrale a cura di Berardi/Casolari con spettacolo. Organizzato da Cabiria Teatro in collaborazione con Unione ciechi e ipovedenti di Novara

e sostenuto da

Il progetto
L’idea nasce da Gianfranco Berardi, attore e autore non vedente, e da Gabriella Casolari, attrice e autrice, che con la propria compagnia, in maniera reale e in maniera allegorica, utilizzano il tema della cecità e della mancanza come perno della propria poetica. Il progetto prende spunto da uno degli spettacoli della compagnia: “In fondo agli occhi” (regia di César Brie) in cui la cecità è affrontata in maniera tragicomica come malattia da cui è afflitto Gianfranco, del quale Gabriella si prende cura, e come metafora della condizione in cui viviamo e in cui vivono le giovani generazioni oggi.
È proprio ispirandosi a quest’opera e alle sue cifre espressive (cattiveria e comicità, ironia e poesia, autobiografico e universale) che il laboratorio intende sviluppare la sua ricerca. L’intenzione è quella di condurre i partecipanti alla creazione di un atto unico in cui raccontare se stessi possa essere una maniera per raccontare il mondo e, al contempo, in cui raccontare la realtà che ci circonda possa essere il pretesto per conoscersi meglio.

Gli allievi, partendo da piccole storie biografiche, affrontano

il tema della diversità, della crisi e della perdita, sia come racconto di un’esperienza personale fortemente caratterizzante, sia come metafora di una condizione esistenziale che oggi, sempre più sembra somigliare alla condizione esistenziale di un cieco (precarietà, instabilità, assenza di prospettiva).

Il laboratorio viene messo in pratica facendo perno su diverse tecniche teatrali (training fisico, training vocale, esercizi di improvvisazione verbale, di improvvisazione scrittoria, di analisi e indagine della scena).

Opere propedeutiche

Cecità di Josè Saramago (letteratura)

La locanda della felicità di Zhang Yimou (cinema)

"In fondo agli occhi di Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari (teatro)

A chi si rivolge?

“I figli della frettolosa” è un progetto di formazione teatrale sul tema della cecità rivolto ad attori e aspiranti tali, di qualunque provenienza ed età, con una particolare attenzione a persone affette da disabilità visive, interessate all’arte scenica e alle sue differenti sfaccettature (scrittura, recitazione e regia).

Tempi e modi

Il progetto è composto da un laboratorio teatrale integrato di sette giorni di lavoro dal 17 al 24 Luglio con tempi di lavoro giornalieri, dalle 16:00 alle 22:00 teso alla realizzazione di una messinscena finale, il 24 Luglio, all'interno de Le notti di Cabiria  in cui i partecipanti, non vedenti, ipovedenti e così detti normodotati prendono parte come attori, autori e registi all’evento spettacolare.

Come candidarsi?

Come faccio a partecipare? Mando una mail a cabiriateatro@gmail.com con una breve presentazione e le esperienze teatrali avute!

Trailer dello spettacolo al Teatro Elfo Puccini di Milano

https://www.youtube.com/watch?v=lc6QSHHPtN0

 

PER LO SPETTACOLO. Ingresso gratuito con  prenotazione obbligatoria con posto numerato presso Biglietteria Teatro Coccia.

INFO SERATE

info@cabiriateatro.com / 3491008375 /www.cabiriateatro.com

18:00 - 19:00 ON AIR Incontri di approfondimento in diretta FB

20:30 - 21:30 WAITING FOR Reading e concerti al castello pre spettacolo

21:30 SPETTACOLO

IN CASO DI PIOGGIA LO SPETTACOLO SI TERRA' AL TEATRO FARAGGIANA

INFO BIGLIETTERIA

INGRESSO GRATUITO CON ASSEGNAZIONE DEL POSTO!!!

ONLINE https://biglietteria.fondazioneteatrococcia.it

BIGLIETTERIA TEATRO COCCIA, Via F.lli Rosselli 47. Orari di apertura:
- dal martedì al sabato, esclusi festivi, dalle ore 10.30 alle ore 18.30
- nei giorni di spettacolo da un'ora prima dell'inizio delle rappresentazioni presso l'ingresso di Piazza Martiri  del Castello Sforzesco